Torna la notte delle lacrime di San Lorenzo – Il picco sarà l’11 e il 12 Agosto

perseidi-stelle-cadenti

FONTE: www.ansa.it

Conto alla rovescia per lo spettacolo delle stelle cadenti di San Lorenzo, il picco è previsto nella notte tra l’11 e il 12 agosto. Complice la quasi mancanza della Luna e una ‘spinta’ da Giove, si prevede un’annata eccezionale, con un numero di meteore che secondo alcune stime potrebbe arrivare al doppio di quelle degli anni ‘standard’. A far da cornice alle meteore anche una congiunzione a tre con Marte, Saturno e Luna.

Come ogni anno le notti di agosto saranno impreziosite dalle suggestive scie delle Perseidi, le meteore note a tutti come le stelle di San Lorenzo. Il fenomeno è dovuto all’impatto con l’atmosfera delle sottilissime polveri lasciate dei passaggi della cometa Swift-Tuttle che, bruciando, lasciano una lunga ‘lacrima’ luminosa nel cielo.

Un aiuto quest’anno arriva dalla Luna, che si troverà nell’ultimo quarto e che tramonterà nelle prime ore della notte, lasciando così campo libero al buio della notte. A questo si aggiungerà l’aiuto gravitazionale di Giove che occasionalmente concentrerà una parte delle polveri, facilitando così la visione di una maggior quantità di meteore.

Il picco è previsto nella seconda parte della notte tra l’11 e il 12 agosto e centinaia gli eventi organizzati in tutta Italia per osservare le stelle cadenti la notte in compagnia di esperti e appassionati.

Quest’anno, come il 2015, può essere davvero definito come una buona annata” ha spiegato Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope.

Ad aiutarci – ha precisato – sarà la concomitanza di due fenomeni: il primo è dovuto alla Luna, avversaria giurata delle stelle cadenti, che in quei giorni sarà nel primo quarto e tramonterà presto lasciando campo libero; l’altro è dovuto a Giove che dovrebbe sospingere verso la Terra un maggior numero di detriti cometari, quelli da cui si originano le meteore“.

Lo sciame delle Perseidi è dovuto alle sottilissime polveri lasciate dai passaggi della cometa Swift-Tuttle e che la Terra incrocia ogni anno in questo periodo. “Ad arricchire il programma – ha aggiunto Paolo Volpini, dell’Unione Astrofili Italiani (Uai) – ci saranno anche alcune spettacolari congiunzioni, in particolare con Luna, Marte e Saturno che formeranno suggestive configurazioni nella prima parte delle serate“.

Non perdiamoci allora questo spettacolo ogni anno sempre più affascinante!

Se ti è piaciuto questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.